Dottori-Perrino, allievo e maestro premiati al Cosmopolitan

Davide Dottori e Tommaso Perrino, secondo e terzo classificato nel concorso “Vota il golfista toscano 2020” organizzato da Toscana.golf, sono stati premiati al Cosmopolitan di Tirrenia, il circolo dove Tommaso Perrino insegna. Allievo e maestro si sono ritrovati a sfidarsi a colpi di voti e alla fine è stato Dottori, la grande sorpresa di questo concorso, ad avere la meglio. “E’ stato un grande onore per me superare Tommaso, sono quasi in imbarazzo – ha detto Davide Dottori -. Io ho cominciato a giocare da un anno e mezzo, a inizio 2020 ero 54 di handicap e grazie ai consigli e alle lezioni con Perrino sono arrivato a 20. So che ora inizia il difficile, ma voglio migliorare ancora e arrivare a un handicap con una sola cifra entro il 2022, a 40 anni”.

Davide Dottori premiato da Simone Nozzoli, responsabile del sito web Toscana.golf

Davide Dottori ha ricevuto un doppio premio messo in palio da Nencini Sport: un voucher da 50 euro e una borsa sportiva. Inoltre per lui un green fee infrasettimanale offerto dal Golf Club Punta Ala, il campo dove il giocatore del Golf Club Livorno è stato capace di vincere la gara Ranieri Cup con ben 52 punti.

Tommaso Perrino premiato da Simone Nozzoli

Tommaso Perrino, oltre alla borsa sportiva di Nencini Sport, si è aggiudicato un voucher da 50 euro del circuito Mc Tour di Massimiliano Giovannini e un green fee infrasettimanale messo a disposizione dalle Pavoniere Prato. Premi da dilettante, non da professionista qual è Perrino, primo atleta paralimpico a partecipare all’Open d’Italia nello scorso ottobre. “Non importa – ha detto Tommaso -. Sono felice di essermi piazzato sul podio di questo concorso. Ti ringrazio perché è stata un’iniziativa che ha riscosso molto successo nel mondo del golf e ha dato ulteriore visibilità al settore paralimpico, del quale sono commissario tecnico. Il 25 gennaio partirò per Dubai, dove grazie al mio sponsor Cetilar rimarrò due settimane per fare un po’ di vacanza e allenarmi. Quest’anno voglio diventare numero uno al mondo e partecipare a più tornei possibili dell’Edga: i vincitori avranno la wild card per alcuni tornei dell’European Tour e io dopo l’esperienza dell’Open d’Italia ho voglia di riprovarci”.