Fretta figlia dell’angoscia

Su un campo da golf molti giocatori, dopo aver sbagliato un colpo, accelerano il colpo seguente e al limite preferiscono mancarlo, purché questo permetta loro di scaricare l’eccesso di angoscia. E’ dall’accumulo di angoscia che derivano le “buche disastro” che potrebbero ragionevolmente essere riportate a un bogey.

Willy Pasini, L’arte del golf