Probios e Confetture D’Alessandro, il fine settimana è dolce a Le Pavoniere

Sono stati due giorni dolcissimi a Le Pavoniere con le gare individuali Probios Trophy e il Trofeo D’Alessandro Confetture, ai quali seguirà il trionfo del cioccolato martedì 15 novembre con la Pro Am sponsorizzata da Becagli. Il Trofeo Confetture D’Alessandro, con oltre 120 concorrenti alla partenza, ha visto la folta presenza di giocatori del Parco di Firenze nell’ambito del rapporto di collaborazione fra i due circoli, con tariffe ridotte per i giocatori fiorentini nel club pratese. Gli ospiti hanno brillato soprattutto in terza categoria, con il successo di Leonardo Siracusa su Alessandro Pecorini entrambi a 44 punti, ma con un finale di gara più favorevole al primo (terzo con 39 Lando Michelagnoli de Le Pavoniere), e con Giordano Romoli, primo seniores con 37, mentre il presidente del Parco Giuliano Bagnoli si è aggiudicato il nearest to the pin unico alla buca 14. I giocatori de Le Pavoniere hanno invece firmato il lordo con Manrico Sborgi (30 punti) e il netto di prima categoria con Manuela Baldi (37), leader davanti a Danilo Nencini (36, Parco di Firenze) e Costanza Alessandri (35). In seconda Gianfranco Servi (Montecatini) è stato irraggiungibile grazie al suo score di 40, seguito a 37 da Andrea Morganti e Luca Pieraccini. Teresa Miglioranza (Casalunga) è stata la prima lady con 37.

Nel Probios Trophy Alessio Faggi (Ugolino) ha confernato il suo valore conquistando il primo posto nel lordo con 33 punti. Nel netto di prima categoria Simone Ginanni ha vinto (40) davanti a Vittorio Hu (38) ed Enrico Mondani (36, Quarrata). In seconda Maurizio Cremonini (Imola Zolino) ha messo a frutto la sua trasferta a Prato imponendosi con un ottimo 42, davanti a Roberto Palmucci (suo il nearest to the pin unico alla buca 8 con appena 81 centimetri) e Andrea Marotta (Cosmopolitan), entrambi a 40. In terza, infine, tripletta targata Pavoniere con il vincitore Massimo Bartolini (39) e Mauro Marconi e Gianni Salvadori, tutti e due a 38, sugli altri gradini del podio. Roberta Rivola (Imola Zolino) è stata la prima lady con 37, Andrea Morganti (38) è stato premiato come primo super senior e infine Roberto Mari (Cus Parma) ha vinto il nearest to the pin unico alla buca 17.

Il gruppo dei premiati del Probios Trophy
Articolo precedenteCoppa Toscana, al Cosmopolitan un poker di qualificati per la finale di Punta Ala
Prossimo articoloAgriturismo San Martino, a Tirrenia una Louisiana di sorrisi