Il prestigio della Coppa Ruffino a Punta Ala

E’ una delle gare più prestigiose nel calendario del Golf Club Punta Ala e infatti il suo albo d’oro campeggia nella club house. L’edizione numero 39 della Coppa Ruffino, disputata con formula 4 palle la migliore, ha visto sfidarsi 36 coppie (prima e seconda categoria medal, stableford la terza): Franck Lescure e Paolo Cristallini con 71 colpi (-1 sul par del campo) hanno vinto il lordo e come premio hanno ricevuto un soggiorno ciascuno per due persone al Resort Poggio Casciano Ruffino a Bagno a Ripoli (Firenze). Le Magnum Modus Ruffino dell’azienda vinicola di Pontassieve che esporta soprattutto negli Stati Uniti, destinate ai vincitori delle categorie netto, sono state assegnate a Massimo Bombacci e Luciano Pagni in prima categoria con 67 colpi, gli stessi di Sandro Pagni e la moglie Ersilia Randi, penalizzati però da un finale di gara peggiore dei loro avversari. Stesso epilogo in seconda, dove Matteo Cianfoni e Riccardo Tomasoni (nella foto, premiati dalla baronessa Anna Ruffino Dupré delle Cantine Ruffino e dal presidente del Golf Club Punta Ala Fernando Damiani) con 68 hanno avuto la meglio su Giuseppe Cenci e Alessandro Chierico. In terza i coniugi Bruno Sacco, tornato al successo in questa gara dopo 20 anni, e Majda Elrhifari con 45 punti hanno infine preceduto Sacha Widgorovits e Peter Thommen (43). Nicolò Vitelli e Massimiliano Lancellotti (68 colpi medal) sono stati la prima coppia seniores, Francesca Passaglia si è aggiudicata sia il driving contest femminile alla 10 che il nearest to the pin alla 15 sfiorando la hole in one (palla a 60 centimetri dalla buca). Guido Stazzoni ha vinto il driving contest maschile, mentre il nearest to the pin è andato a Riccardo Cheli, anche lui vicinissimo alla hole in one (71 centimetri). Per loro bottiglie di Riserva Ducale, Magnum Riserva Ducale Oro alle coppie seconde classificate.